pippo eatintimesloganbanner

Genovese alla ricotta

Commenti disabilitati su Genovese alla ricotta | Febbraio 20, 2016

GENOVESE (ERICINA) CON RIPIENO DI RICOTTA O CREMA DI LIMONE

INGREDIENTI:

Per circa 12 pezzi  
Per la pasta: 
500 g di farina 00, 
1 uovo,100 g di margarina, 
100 g di zucchero, 
10 g di ammoniaca, 
70 ml di latte tiepido, 
la polpa di mezza stecca di vaniglia

Per la crema: 
500 ml di latte intero, 
100 g di zucchero,
1 tuorlo d’uovo, 
50 g di amido di mais, 
scorza di mezzo limone, 
zucchero a velo per terminare.

PREPARAZIONE:

Preparate la crema sbattendo il tuorlo con lo zucchero, aggiungete la scorza di limone, il latte e l’amido.
Mettete in un pentolino e fate addensare, la crema assumerà presto la consistenza simile ad un budino. Spegnete e fate raffreddare.
Per la pasta: tagliate il burro a pezzetti e aggiungete farina, zucchero, vaniglia e ammoniaca. impastate il tutto con le mani e poi unite l’uovo e il sale, terminate con il latte e continuate ad impastare.
Stendete la pasta con il mattarello ( più sottile è e meglio è, ma il mio tunnel carpale non mi permette grandi lavori di sottigliezza con la pasta). Con uno stampo tondo tagliate tanti cerchi, poi mettete la centro più crema possibile e ricoprite sopra con un altro cerchio di pasta richiudendo bene i bordi.
Infornate a 240° per 10 minuti circa. Saranno pronte quando avranno un bel colorito dorato. Spolverizzate infine con abbondante zucchero a velo.

Promozione!

TRADIZIONI E CURIOSITA':

Erice sorge sulla vetta dell’omonimo monte e da qui si gode una vista mozzafiato su Trapani e sulle saline che da Trapani si estendono verso Marsala. Erice è un piccolo paesino di poco più di 500 anime, ma è davvero un gioellino. Vale la pena raggiungerla con la funivia per ammirare il paesaggio sottostante mentre salite fino alla vetta. Ad Erice il tempo cambia spesso e repentinamente e quando sale la nebbia sembra quasi di essere in Transilvania.

Le cosiddette Genovesi sono tortine di pasta morbida farcite con una sorta di crema pasticcera, forse i dolci più popolari della pasticceria ericina. Esse sono patrimonio dell’ormai scomparso Convento delle Monache di San Carlo a Erice che detenevano un’antica ricetta tramandata di generazione in generazione e tenuta gelosamente circoscritta all’ambiente monastico. L’esportazione della ricetta si deve ad una donna che da bambina venne ospitata in convento a causa di un’episodio tragico che colpì la sua famiglia. Ella carpì i segreti dell’arte pasticcera ericina e ne utilizzò i dettagli per poterla proporre al pubblico una volta diventata grande.