pippo eatintimesloganbanner

Il Panino all’Ufficiale

Commenti disabilitati su Il Panino all’Ufficiale | Gennaio 23, 2016

PANINO ALL'UFFICIALE

INGREDIENTI:

Occorrente per preparare la pasta di pizza:
Acqua 1 l.
Farina 1,1 Kg.
Sale 50 g.
Lievito secco 18g.
Olio extravergine di oliva q.b.

PREPARAZIONE:

La preparazione del panino all’ufficiale è molto semplice. L’impasto è esattamente quello della normale pizza,di conseguenza, non sarà difficoltoso riuscire a prepararlo.
Per quanto riguarda la preparazione, ecco come fare: prendere un bel po’ di impasto (più o meno la stessa quantità che adoperereste per una pizza rotonda singola.
Non spianare la pasta a pizza, piuttosto lasciarla spessa più o meno lo spessore di due pizze messe una sull’altra o poco più.
Infornare.  Aspettare che la cottura sia quasi ultimata, quindi sfornarla poco prima di un minuto dalla fine della cottura completa. Aspettare solo qualche secondo in modo che non sia proprio bollente, quindi tagliarlo esattamente come un panino.
Condire con mozzarella, salame (o prosciutto cotto), mozzarella, a scelta pomodoro e infine origano e un pizzico di sale. Chiudere il panino, passare olio di oliva abbondante sulla parte esterna del panino stesso, quindi aspettare un minuto di conto.

In questo lasso di tempo la mozzarella si sarà sciolta, quindi si può consumare il panino.

Promozione!

TRADIZIONI E CURIOSITA':

Lo conoscono in pochi, ma non è un segreto militare: soltanto che per trovarlo dovete andare a scovarlo nei panifici che ancora coltivano ancora la tradizione, i quali sono sempre meno.
Eppure il Panino dell’Ufficiale dovrebbe rientrare a pieno titolo tra le tipicità più importanti di Trapani, non soltanto per la sua estrema golosità, ma anche per il suo radicamento nella storia culinaria della città.
E’ un pane di grano duro, condito semplicemente con pomodoro, mozzarella e olio: viene quindi infornato, per fare filare il formaggio e così invadere di sapore tutta la preparazione. Una tecnica non dissimile dalla preparazione del pane cunzato secondo le tradizioni del catanese.